Una bella pelle

Gentili lettrici e lettori,
 
finalmente è venuto il momento di mostrare la nostra pelle. La parte più grande di questo organo è stata celata per mesi sotto un caldo vestito. Ora pantaloncini e gonne, camicie a maniche corte e top offrono uno sguardo su una pelle che dovrebbe essere ineccepibile. Perché, nella realtà, molto spesso vengono alla luce impurità, macchie, piccole infiammazioni e tutta una serie di problemucci di pelle non troppo simpatici. Le cause spesso non vanno ricercate nella pelle stessa bensì possono avere a che fare anche col sistema ormonale o con la flora intestinale. Questa newsletter vuole mostrarvi quali sono le interrelazioni e presenta i preziosi funghi medicinali per supportare una pelle bella e in piena salute.
 
Distinti saluti
 
La Vostra GFV
 

Sotto una pelle sana c’è un corpo sano

L’involucro del nostro corpo ne deve sopportare di prove: caldo e freddo, umidità e secchezza, troppa o troppa poca luce, diverse sostanze chimiche e stimoli meccanici ... – e oltre a ciò vi sono anche diversi fattori che influenzano la pelle dall’interno. La pelle in qualità di importante organo di evacuazione mostra chiaramente l’indebolimento ad es. delle funzioni di disintossicazione di altri organi come i reni o il fegato. Ecco perché è così importante, nel caso di problemi evidenti o di malattie della pelle, indagare terapeuticamente non solo quest’organo stesso bensì anche di analizzare quali cause più remote potrebbero scatenare i segnali visibili del corpo.
 
Pelle e ormoni
 
Sono diversi gli ormoni che influenzano la composizione della pelle, in particolare nel caso di arrossamenti, pelle o mucose secche e prurito di causa non identificata si dovrebbe analizzare il sistema ormonale come possibile fattore scatenante. Talvolta una pelle non ottimale è dovuta solo a piccoli squilibri ad es. A causa dello stress o nelle donne a causa del ciclo. È in particolare in questi casi che il fungo reishi si è dimostrato un fungo medicinale con effetto regolatore soft. Esso aiuta l’organismo a ritrovare il suo equilibrio ormonale, sostiene la rigenerazione di cellule sane e incoraggia il processo naturale di disintossicazione. Anche nelle infiammazioni croniche, che appaiono sulla pelle, il reishi può avere un effetto calmante e salutare. Può essere di supporto anche l’impiego dell‘agaricus blazei murrill e dell‘auricularia– due funghi medicinali che possono anch’essi mitigare le reazioni di stress della pelle e allo stesso tempo impedire il suo invecchiamento precoce.
 
Pelle ed intestino
 
Nel frattempo è comunemente noto in medicina che vi sia uno stretto collegamento funzionale tra l’intestino e la pelle. Problemi cronici di digestione vanno di pari passo spesso con impurità della pelle, con piccole infiammazioni ricorrenti e con una pelle che semplicemente si presenta „non sana “. La regolazione della flora intestinale quindi risulta essere la prima delle misure terapeutiche da adottare ed è la base irrinunciabile per un trattamento sostenibile che debelli il problema. Questa strategia viene supportata in modo efficace dal fungo medicinale hericium che tradizionalmente è impiegato per problemi di stomaco ed intestino. Aminoacidi essenziali, un alto dosaggio di diversi oligoelementi, polisaccaridi e polipeptidi ma anche sostanze antimicrobiche rafforzano l’intestino, rafforzano la composizione salutare di importati microorganismi, ottimizzano la digestione – e portano così automaticamente alla rigenerazione delle condizioni dell’epidermide.

Parola chiave: Sole di mezzogiorno

Verso l’ora del mezzogiorno il sole estivo è ancora alto in cielo e ciò significa che esso splende in modo particolarmente intenso su di noi. Proprio all’inizio dell’estate quando la pelle non è ancora così avvezza ai raggi del sole, è buona regola portare sempre con sé una crema solare ad alto fattore di protezione e comunque cercare di evitare il sole di mezzogiorno. Questo è l’unico modo per evitare eritemi solari che fanno invecchiare precocemente la pelle e che, inoltre, fanno aumentare il rischio di cancro alla lunga. Chi non vuole fare a meno della tintarella d’estate: è risaputo che anche all’ombra vi è una grande quantità di luce naturale che ricade sulla pelle e che le fa assumere in modo sano la tintarella estiva prediletta.