Patologie dalla A alla Z


Sindrome da burnout

Tra i problemi di salute che affliggono la società moderna, uno dei più noti è il cosiddetto "burnout". Il fatto che ogni persona sia frequentemente sottoposta a stress lavorativo o privato non ha in realtà alcuna relazione con la patologia. Le persone più a rischio, infatti, sono quelle che non riescono a trovare un sufficiente equilibrio fisico e psicologico.
La sindrome da burnout non è, infatti, una malattia che colpisce dall’oggi al domani. A fini terapeutici, è molto importante prendere coscienza di ciò che sta accadendo, poiché, come per molti altri disturbi, anche la sindrome da burnout può essere trattata in modo più semplice ed efficace se viene identificata in tempo.

Prima di giungere al burnout si manifestano svariati sintomi che sfociano poi nell’esaurimento totale, nella depressione e nel senso di inadeguatezza. Il problema consiste nel fatto che i campanelli d’allarme non vengono presi sul serio né dall'interessato, né dalle persone che lo circondano. Inizialmente si manifesta di frequente il desiderio di dimostrare il proprio valore: il soggetto si impegna al massimo e cerca di soddisfare anche le aspettative più alte. Nel corso del tempo, le necessità personali vengono trascurate in misura sempre maggiore e subentra una condizione di frustrazione, scoraggiamento e, spesso, di chiusura. Fanno seguito sintomi fisici che spaziano dalla stanchezza cronica al mal di testa, fino all'ipertensione.

La terapia di un paziente afflitto da burnout spetta ai professionisti. È fondamentale intervenire su più livelli, poiché spesso non è interessata solo la psiche, ma è presente anche un'evidente carenza di sostanze vitali. A tal fine, i funghi medicinali possono essere impiegati con successo.
 

Funghi medicinali contro la sindrome da burnout


Cordyceps
Questo fungo medicinale può alleviare le condizioni di inquietudine, paura e tensione controllando, in particolare, il rilascio di adrenalina, l'ormone dello stress. Molti studi hanno dimostrato che le persone sensibili che assumono regolarmente il Cordyceps sviluppano una sorta di "scudo protettivo" che li aiuta a gestire gli impegni quotidiani.

Reishi
Il Reishi è efficace soprattutto quando, accanto ai disturbi psicologici, sono presenti anche problemi fisici, come infezioni e dolori cronici. Esso è in grado di rafforzare il sistema immunitario e di limitare le oscillazioni della pressione arteriosa.

Hericium
L'Hericium può essere utilizzato in caso di burnout imminente o manifesto, poiché ha un effetto antidepressivo e tranquillizzante, fattore importante anche per l'alleviamento di eventuali sintomi fisici.

I nostri consigli sull’impiego dei funghi medicinali non intendono sostituire le cure di un medico o naturopata. L’assunzione di farmaci o le terapie in corso non dovrebbero essere sospese senza essersi prima rivolti al proprio medico o naturopata.