Patologie dalla A alla Z


Patologie delle vie aeree

Le vie aeree, a partire dal naso e dai seni paranasali, passando per laringe, faringe e bronchi, fino alle ramificazioni più sottili costituite dai bronchioli, vengono fortemente sollecitate dall'inquinamento dell'aria, dal fumo e, soprattutto nei mesi invernali, dai germi del raffreddore. Le vie aeree, inoltre, vengono messe a dura prova dalle allergie. Il corpo reagisce con un'infiammazione acuta che, a seconda della sezione dell'apparato respiratorio interessata, si può manifestare con congestione nasale, mal di gola, difficoltà di deglutizione o tosse. Si tratta di patologie che diventano rapidamente croniche, il che le rende ancora più difficili da trattare. I rischi principali sono la sinusite, ossia l'infiammazione cronica dei seni paranasali, la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BCPO) e l'asma bronchiale.
 

Guarire completamente le patologie acute


Una bronchite con dolore dietro lo sterno, tosse intensa, espettorato ed eventualmente anche febbre può svilupparsi già a partire da un semplice raffreddore. Essa deve essere curata per bene, al fine di evitare danni permanenti alla mucosa bronchiale. Per prevenire questa patologia, è importante evitare di fumare. Contribuiscono inoltre alla salute delle vie aeree una vita attiva all'aria fresca e un apporto sufficiente di liquidi, in quanto un sistema immunitario resistente ostacola l'attacco dei germi. Alle persone cagionevoli, poi, si consigliano inalazioni regolari soprattutto nei mesi invernali.

Anche la sinusite deve essere curata con attenzione per impedire che diventi cronica. L'infiammazione dei seni paranasali, a cui appartengono i seni frontali e mascellari, si sviluppa spesso a partire da un raffreddore e causa naso chiuso e mal di testa, che si aggravano quando ci si china. Nei casi di sinusite acuta è utile fare subito ricorso a gocce decongestionanti per il naso, in modo che il secreto possa defluire più facilmente. Quando la sinusite è cronica, l'otorinolaringoiatra deve verificare se i disturbi sono causati da una deviazione del setto nasale o da polipi.
 

Funghi medicinali per avere vie aeree sane


Agaricus blazei Murrill
L'ABM è di grande aiuto nella prevenzione delle malattie da raffreddamento e contiene enzimi antiossidanti che sono importanti per la salute delle cellule. Benché questo fungo medicinale venga utilizzato da pochi decenni, il suo effetto positivo sul sistema immunitario è già ben documentato. Studi clinici ne dimostrano inoltre il contributo rilevante nel caso di numerose allergie.

Coriolus
Questo fungo possiede particolari caratteristiche antibatteriche e antivirali. Il polissaccaride-K (PSK) funge da attivatore di svariati meccanismi di difesa del corpo: secondo uno studio clinico, in particolare, il Coriolus raddoppia entro otto settimane il numero delle cellule killer, fondamentali per un sistema immunitario in salute.

Reishi
Il Reishi viene impiegato come integratore per numerose patologie che affliggono le vie aeree. Esso migliora la respirazione cellulare e la fluidità del sangue, preziose a fini preventivi e tranquillizzanti nei processi infiammatori cronici. I bronchi vengono irrorati meglio e rilassati, il che consente di respirare in modo più agevole.

I nostri consigli sull’impiego dei funghi medicinali non intendono sostituire le cure di un medico o naturopata. L’assunzione di farmaci o le terapie in corso non dovrebbero essere sospese senza essersi prima rivolti al proprio medico o naturopata.