Patologie dalla A alla Z


Obesità

L'obesità non è solo un problema estetico. Svariate difficoltà di salute come sovraccarichi del sistema cardiocircolatorio, disturbi articolari o calcoli biliari accompagnano i chili in eccesso. In questa situazione, inoltre, è sempre costante e molto elevato il rischio di sviluppare gravi patologie come il diabete di tipo 2, l'ipertensione e l'arteriosclerosi.
Il cosiddetto "indice di massa corporea" (IMC o BMI, dall'inglese "Body Mass Index") costituisce un metro affidabile per valutare un'obesità più o meno accentuata. Per determinarlo, si divide il peso corporeo (in chilogrammi) per il quadrato della statura (in metri). Le persone con un peso nella norma presentano un IMC da 18,5 a 24,9.

La causa più frequente dell'obesità è semplicemente un’assunzione eccessiva di calorie. L'aumento di peso viene inoltre favorito da pasti eccessivamente rapidi, per cui il senso di sazietà compare troppo tardi. Anche alcuni farmaci come i preparati a base di cortisone, la pillola e gli antidepressivi possono contribuire all'insorgenza dell'obesità perché stimolano l'appetito. Più raramente, il problema è costituito da patologie ormonali, ad esempio disfunzioni della tiroide o da difetti metabolici genetici.

La terapia in questi casi è piuttosto semplice: dimagrisce chi alimenta il suo corpo con una quantità inferiore di calorie rispetto a quelle di cui ha bisogno. Chi invece entra nel circolo vizioso di obesità, carenza di movimento e alimentazione dettata da frustrazione, ha molte difficoltà ad uscirne, anche perché a volte ci si scoraggia di fronte a diete promettenti che poi si rivelano poco serie e non portano alcun beneficio. Che la perdita di peso non debba essere necessariamente un tormento lo dimostrano programmi mirati delle assicurazioni mediche, delle scuole e di altre associazioni. È inoltre importante seguire un'efficace fisioterapia.
 

Funghi medicinali per dimagrire


Maitake
Secondo gli studi, il Maitake riduce l'accumulo di lipidi e glucosio nel fegato, prevenendo così l'aumento di peso. Esso attiva inoltre l'intero metabolismo in modo naturale e sano.

Hericium
L'Hericium contiene sostanze che riducono i lipidi, particolarmente utili a livello di regolazione per persone sovrappeso con problemi di colesterolo e disturbi metabolici. Inoltre, l'effetto rigenerante di questo fungo medicinale sulle mucose dell'apparato digerente favorisce la disintossicazione e una digestione corretta.

Cordyceps
Determinati polisaccaridi del Cordyceps vantano un effetto antiossidante e protettivo nel caso del diabete, ulteriormente supportato da una riduzione del glucosio nel sangue. Il fungo innalza inoltre il metabolismo basale e migliora il benessere generale.

Reishi
Il Reishi ha un'azione stimolante su numerosi processi metabolici. Particolarmente rilevante per favorire la perdita di peso è la sua influenza sul metabolismo epatico e, in via diretta, sull'appetito. Senza dimenticare infine che questo fungo medicinale fornisce un contributo comprovato alla regolazione del tasso glicemico.

I nostri consigli sull’impiego dei funghi medicinali non intendono sostituire le cure di un medico o naturopata. L’assunzione di farmaci o le terapie in corso non dovrebbero essere sospese senza essersi prima rivolti al proprio medico o naturopata.