Patologie dalla A alla Z


Mucoviscidosi

La mucoviscidosi (fibrosi cistica) è uno scompenso metabolico genetico per cui vengono prodotti secreti corporei in eccesso, caratterizzati da grande densità. Le vie aeree vengono quindi colpite da gravi bronchiti e insufficienza respiratoria. L'espettorazione del muco è difficoltosa e si verificano spesso polmoniti o enfisemi polmonari, che possono perfino danneggiare il cuore. Nell'apparato digerente, i secreti viscosi causano una digestione non corretta e denutrizione.

Questa patologia richiede un trattamento medico costante. È importante adottare delle contromisure,  per favorire il processo mucolitico tramite farmaci e agire sulle vie aeree tramite una fisioterapia mirata. I problemi di digestione possono invece essere curati con successo assumendo capsule contenenti enzimi digestivi. Queste procedure possono essere integrate dalla naturopatia: i funghi medicinali forniscono all'organismo micronutrienti fondamentali, rafforzano le difese naturali contro le infezioni dell'apparato respiratorio e supportano le funzioni del corpo su più livelli.

 

Funghi medicinali contro la mucoviscidosi


Reishi
Il Reishi è noto come fungo antinfiammatorio e rilassante. Esso è in grado di stimolare la circolazione e l'ossigenazione cellulare, il che consente di dilatare i bronchi in modo che la respirazione sia più agevole. Consente inoltre di fluidificare il secreto nelle vie aeree e di evitare nuove infiammazioni..

Coriolus
Questo fungo medicinale si distingue per il suo effetto antivirale e antibatterico. È quindi indicato in soggetti con una forte tendenza a contrarre infezioni.

Cordyceps
Da un lato, il Cordyceps migliora l'ossigenazione del sangue facilitando la respirazione; dall'altro esercita un effetto mucolitico e quindi decisamente rilassante sui bronchi.

I nostri consigli sull’impiego dei funghi medicinali non intendono sostituire le cure di un medico o naturopata. L’assunzione di farmaci o le terapie in corso non dovrebbero essere sospese senza essersi prima rivolti al proprio medico o naturopata.