Patologie dalla A alla Z


Morbo di Crohn

Il morbo di Crohn appartiene alla categoria delle malattie autoimmuni. Il corpo distrugge la propria mucosa intestinale a causa di uno scompenso del sistema immunitario, con conseguenti infiammazioni croniche che possono estendersi a tutto il tratto gastrointestinale, accompagnate da febbre, diarrea e perdita di peso.

Di solito, la malattia inizia nell'intestino tenue, ma in seguito al suo decorso sotto forma di attacchi, vengono spesso colpiti lo stomaco e tutte le sezioni intestinali. Tra le complicazioni, si annoverano fistole nella parete dell'intestino e stenosi, che possono risultare pericolose per la vita del paziente.

Come per tutte le malattie autoimmuni, le cause del morbo di Crohn non sono state ancora completamente chiarite. È tuttavia accertato che sia una dieta ricca di fibre che un equilibrio psicologico privo di stress sono in grado di alleviare notevolmente i sintomi e, al tempo stesso, frenano l’insorgenza di nuovi attacchi. Ciò spiega le numerose opportunità di utilizzo dei funghi medicinali, che contengono svariati e importati principi bioattivi e che spesso hanno un effetto rilassante, sia a livello fisico che psicologico.

 

Funghi medicinali contro il morbo di Crohn


Hericium
L'Hericium è utile per qualsiasi forma di infiammazione delle mucose dell'apparato digerente, poiché è in grado di favorire la rigenerazione dei tessuti danneggiati e la produzione di una flora batterica sana. È inoltre dimostrato il suo effetto positivo sulla psiche.


Reishi e Maitake
Questi due funghi medicinali possono agire delicatamente sul sistema immunitario per regolarne gli scompensi in modo duraturo. Per il morbo di Crohn, in particolare, è fondamentale anche il loro effetto rivitalizzante, oltre alle proprietà antinfiammatorie del Reishi, evidenziate da diversi studi.

I nostri consigli sull’impiego dei funghi medicinali non intendono sostituire le cure di un medico o naturopata. L’assunzione di farmaci o le terapie in corso non dovrebbero essere sospese senza essersi prima rivolti al proprio medico o naturopata.