Patologie dalla A alla Z


Fibromialgia

La fibromialgia appartiene alle malattie reumatiche che si manifestano con dolori spesso insopportabili alla nuca, alla schiena, alle braccia, alle gambe o anche a tutto il corpo. Ne sono colpite soprattutto le donne nella seconda parte della vita, benché le cause non siano ancora state completamente chiarite. Sono state prese in considerazione le disfunzioni ormonali, così come lo stress, l'obesità, le alterazioni metaboliche e la postura errata. Numerosi specialisti, inoltre, vedono una stretta relazione con la sindrome da fatica cronica.

Al momento non esiste una cura per i reumatismi né, quindi, per la fibromialgia. La terapia si concentra quindi sul rallentamento del processo patologico e sull'alleviamento dei dolori. L'alimentazione, in particolare l'assunzione di minerali e vitamine, ha una grande importanza da questo punto di vista. In generale i funghi medicinali sono preziosi integratori alimentari da utilizzare regolarmente per i numerosi principi bioattivi che contengono. Sono consigliati non solo a chi soffre di reumatismi ma anche a chi ha in famiglia delle persone che ne soffrono.

Alcuni funghi medicinali sono in grado di alleviare infiammazioni e dolori, mentre altri hanno un effetto regolatore sul sistema immunitario. In generale, i funghi medicinali possono essere usati sia a scopi preventivi, per ridurre il rischio di una fibromialgia, sia quando la malattia è già presente.
 

Funghi medicinali contro la fibromialgia


Cordyceps
Questo fungo medicinale riequilibra la psiche. Gli studi ne hanno dimostrato l'influenza sul sistema neuroendocrino: esso regola l'equilibrio ormonale, limita determinati enzimi considerati responsabili per la comparsa della depressione e protegge dallo stress, che ricopre un ruolo importante nella fibromialgia.

Reishi
Il Reishi ha un effetto rilassante e tranquillizzante sul sistema nervoso vegetativo, oltre a contribuire ad alleviare i dolori in modo duraturo e a integrare un'eventuale carenza di micronutrienti.

I nostri consigli sull’impiego dei funghi medicinali non intendono sostituire le cure di un medico o naturopata. L’assunzione di farmaci o le terapie in corso non dovrebbero essere sospese senza essersi prima rivolti al proprio medico o naturopata.