Patologie dalla A alla Z


Dolori

I dolori non sono una malattia, quanto un campanello d'allarme del corpo che può avere le cause più diverse. Prima di adottare misure per eliminare il dolore, è opportuno ricercarne l'origine, in modo da individuare il trattamento corretto. Molto spesso, infatti, si agisce su fattori diversi da quelli sospettati, facendo comunque scomparire i dolori.
Pastiglie, pomate e supposte non sono soluzioni definitive, poiché attutiscono solo la sensazione dolorosa. Ciononostante, in molti casi l'assunzione di analgesici mirati è consigliata: per esempio nel caso di gravi patologie croniche come il cancro e i reumatismi.

Uno dei fini più importanti della terapia del dolore è evitare che la percezione del malessere diventi indipendente: i dolori cronici, infatti, possono portare a sviluppare la cosiddetta "memoria del dolore", per cui si prova sofferenza anche dopo aver eliminato la causa.

In caso di dolori lievi e medi, possono venire in aiuto diversi rimedi olistici che stimolano l'autoregolazione dell'organismo, eliminando di conseguenza sia la causa che il sintomo. Un ruolo importante lo svolgono anche l’attività fisica e l’alimentazione.
 

Funghi medicinali contro i dolori


Reishi
Il fungo medicinale più importante per combattere i dolori è il Reishi. Grazie a numerosi micronutrienti, esso stimola la produzione di semiochimici naturali che alleviano la sofferenza. Il Reishi favorisce anche la circolazione e ha un effetto rilassante e adattogeno a livello psicologico. Alcuni suoi elementi, inoltre, sono in grado di distendere e sciogliere la muscolatura mitigando i processi infiammatori.

I nostri consigli sull’impiego dei funghi medicinali non intendono sostituire le cure di un medico o naturopata. L’assunzione di farmaci o le terapie in corso non dovrebbero essere sospese senza essersi prima rivolti al proprio medico o naturopata.