Patologie dalla A alla Z


Disfunzioni della tiroide

La tiroide con i suoi ormoni, influenza molteplici funzioni corporee ed è largamente coinvolta nella regolazione del metabolismo in generale. Non c'è da stupirsi, perciò, che le patologie e le disfunzioni di questo organo abbiano conseguenze di ampia portata. Ad esempio, l'irrequietezza, l'ipertensione, l'insonnia e la perdita di peso possono essere imputate a una sua iperattività, definita ipertiroidismo, di cui la forma più frequente è il morbo di Basedow. Tale patologia autoimmune provoca una produzione incontrollata da parte della tiroide di grandi quantità di ormoni. Al contrario, le cause dell'ipoattività della tiroide (ipotiroidismo) sono spesso difficilmente individuabili e si manifestano con sintomi come stanchezza, mancanza di motivazione e bassa pressione sanguigna, che possono condurre anche alla depressione.

La maggior parte delle patologie tiroidee possono essere trattate con successo. L'ipotiroidismo, in particolare, se riconosciuto tempestivamente, può essere tenuto sotto controllo tramite l'assunzione di ormoni sotto forma di pastiglie, con effetti collaterali sulla salute molto ridotti. E’ importante prendere sul serio i sintomi iniziali, spesso poco chiari, e rivolgersi a uno specialista, prima che essi si trasformino in complicazioni indesiderate, anche gravi.

La tiroide necessita di iodio per produrre ormoni, quindi una dieta corrispondente che includa pesce di mare, oltre che ortaggi verdi come insalata, spinaci, broccoli e cavolo riccio può dare un grande contributo all'assunzione di questo minerale ed è da preferirsi rispetto all’utilizzi dello iodio artificiale. Coloro che soffrono di ipertiroidismo, invece, devono evitare alimenti iodati.
 

Funghi medicinali contro le disfunzioni della tiroide


Agaricus blazei Murrill e Cordyceps
Questi due funghi medicinali vengono di frequente impiegati con efficacia per integrare le terapie tiroidee. Grazie al loro effetto adattogeno, infatti, sono in grado di indirizzare i processi di regolazione naturali del corpo nella direzione desiderata, oltre che di armonizzare l'apparato cardiocircolatorio e riequilibrare la condizione psicologica.

I nostri consigli sull’impiego dei funghi medicinali non intendono sostituire le cure di un medico o naturopata. L’assunzione di farmaci o le terapie in corso non dovrebbero essere sospese senza essersi prima rivolti al proprio medico o naturopata.