Patologie dalla A alla Z


Colite ulcerosa

Fino a 30 scariche di diarrea al giorno, accompagnate da dolori al ventre simili a crampi e febbre: sono questi i sintomi che dimostrano la gravità della colite ulcerosa. Le cause di questa infiammazione cronica, che si estende dal retto alla mucosa dell’intestino crasso e che compare in generale tra il 20º e il 40º anno di età, sono ancora in larga parte sconosciute. Si sospettano, accanto a una predisposizione genetica, anche infezioni, allergie e scompensi del sistema immunitario.

La malattia si manifesta solitamente sotto forma di attacchi e spesso, nella mucosa dell'intestino crasso, si formano delle ulcere. In una fase successiva, si osserva un peggioramento dell'assorbimento dei nutrienti, perdita di peso, affaticamento oltre che un atteggiamento psicologico altalenante. La diagnosi può distinguere la colite ulcerosa dal morbo di Crohn, una patologia simile che può però colpire diverse sezioni del tratto intestinale e che non è limitata all'intestino crasso.

La terapia medica si concentra principalmente sull'alleviamento dell'infiammazione per mezzo di farmaci. Talvolta, per ridurre l'elevato rischio di tumore all'intestino, è consigliata la rimozione chirurgica delle sezioni di intestino maggiormente danneggiate. Il quadro generale non deve trascurare inoltre un supporto psicologico professionale. Un'alimentazione composta da cibi leggeri e la regolazione del sistema immunitario, per esempio per mezzo dei funghi medicinali, possono contribuire in modo rilevante a rendere gli attacchi più rari e meno intensi.



Funghi medicinali contro la colite ulcerosa


Reishi
Il Reishi rafforza il sistema immunitario, allevia le infiammazioni e contribuisce a lenire i disturbi tipici della patologia. Inoltre, ha un effetto rivitalizzante, particolarmente importante nel caso di perdita di sangue durante gli attacchi di diarrea. Questo fungo agisce inoltre in modo positivo sulla psiche e consente di ridurre il dolore.

Hericium
Il suo effetto tranquillizzante sulle mucose del tratto gastrointestinale dimostra perché questo fungo medicinale venga utilizzato nella terapia di supporto alla colite ulcerosa. L'Hericium favorisce la rigenerazione della mucosa danneggiata e contiene sostanze antibatteriche in grado di contrastare diversi agenti patogeni presenti nell'apparato digerente.Infine, anche questo fungo può influire positivamente sulla condizione psicologica.

I nostri consigli sull’impiego dei funghi medicinali non intendono sostituire le cure di un medico o naturopata. L’assunzione di farmaci o le terapie in corso non dovrebbero essere sospese senza essersi prima rivolti al proprio medico o naturopata.