Patologie dalla A alla Z


Alterazioni del ritmo cardiaco

Difficilmente prestiamo attenzione a come il cuore svolge il proprio lavoro. Così, anche la sola presa di coscienza del fatto che il cuore batte, può essere fonte di preoccupazione, soprattutto quando si avvertono battiti molto veloci, lenti o irregolari. Il cuore batte in modo diverso non solo a seconda dello sforzo fisico, ma anche in base alla condizione psicologica. Circa 70 battiti al minuto a riposo sono la normalità per un individuo sano, benché esistano variazioni individuali.

In molti casi, le alterazioni del ritmo cardiaco sono innocue, ma dovrebbero sempre essere discusse con un medico, poiché a volte, se non trattate, possono avere conseguenze fatali. Ad esempio, un cuore che batte troppo lentamente può causare una insufficiente ossigenazione del cervello che, a sua volta, porta a vertigini o stordimento. La formazione di coaguli può essere favorita da alcune alterazioni del ritmo cardiaco, comuni anche in caso di coronaropatia, cardiopatia valvolare, disfunzioni della tiroide e asma. Quando si formula la diagnosi, è importante pensare agli eventuali effetti collaterali dei medicinali.

Da un punto di vista specialistico, le alterazioni del ritmo cardiaco vengono trattate per via farmacologica, in parallelo a un allenamento rilassante e a un'attività fisica moderata sotto osservazione medica. Se queste misure non sono sufficienti, si provvede all'impianto di un pacemaker, che funge da metronomo per il cuore attraverso impulsi elettrici.

I funghi medicinali forniscono all'organismo, e quindi anche al muscolo cardiaco, importanti sostanze vitali, tra le altre minerali come il magnesio e il potassio, contribuendo così in modo rilevante alla prevenzione delle alterazioni del ritmo cardiaco o all'alleviamento di disturbi preesistenti.
 

Funghi medicinali contro le alterazioni del ritmo cardiaco


Reishi
Studi clinici hanno dimostrato come il Reishi influisca positivamente sul cuore, aiutandolo a funzionare in modo più regolare. Al contempo, l'effetto stabilizzante sulla pressione sanguigna di questo fungo non può che favorire un ritmo cardiaco armonioso.

Maitake e Auricularia
Entrambi i funghi sono apprezzati nel campo della micoterapia come regolatori di un ritmo cardiaco alterato. L'Auricularia migliora inoltre la fluidità del sangue, con conseguenze positive sulla pressione e sull'irrorazione capillare.

I nostri consigli sull’impiego dei funghi medicinali non intendono sostituire le cure di un medico o naturopata. L’assunzione di farmaci o le terapie in corso non dovrebbero essere sospese senza essersi prima rivolti al proprio medico o naturopata.