La terapia farmacologica nella MTC

La terapia farmacologica nella MTC
La terapia farmacologica nella MTC
Mentre qui da noi si tende ad associare alla Medicina Tradizionale Cinese prevalentemente o quasi sempre l’agopuntura, nella patria asiatica della MTC la terapia farmacologica è di gran lunga la cura più importante. Rappresenta infatti uno dei cinque pilastri della Medicina Cinese e come l’educazione alimentare fa parte delle procedure interne. Gli altri tre pilastri sono l’agopuntura, lo Qi Gong e la terapia del corpo. La MTC si basa su questi cinque pilastri ed è proprio la loro interazione che assicura il pieno successo della terapia. Come tutti gli elementi della MTC anche la terapia farmacologica può essere utilizzata preventivamente e quindi prevenire l’insorgenza di una malattia.
 

Piante medicinali, funghi vitali e varie


La terapia farmacologica cinese punta soprattutto sulla fitoterapia, quindi sull’impiego di piante medicinali. Ma anche i funghi vitali fanno parte delle cure farmacologiche canoniche che di solito vengono prescritte. Vi sono inoltre delle sostanze rare di origine minerale o animale e i terapeuti seri non impiegherebbero sostanze di specie animali in via di estinzione. Come in tutta la MTC, anche nella terapia farmacologica non sono i singoli sintomi o evidenze negli organi ad essere oggetto di interesse, bensì è il paziente nella sua interezza che viene considerato. L’effetto con i farmaci viene descritto con diverse categorie, ad esempio in riferimento al gusto o alla temperatura. Un farmaco amaro, in particolare, abbassa lo Qi e agisce come tranquillante mentre un sapore piccante attiva il flusso Qi e aumenta la secrezione. Farmaci riscaldanti e rinfrescanti di diverse gradazioni possono regolare il metabolismo, la digestione, l‘irrorazione sanguigna e anche il nostro stato emotivo. Con questa premessa è evidente che la diagnostica cinese procede in modo molto analitico e con altri modelli rispetto alla medicina scolastica lavorando quindi con l‘anamnesi e l‘analisi del polso e della lingua. L’obiettivo è di farsi un quadro completo del paziente e di guadagnare delle nozioni sui processi della patologia sottintesi. Solo così sarà possibile, tramite una puntuale prescrizione di farmaci, risolvere dei blocchi energetici e ovviare ai fattori che indeboliscono l’organismo.
 

Diverse forme di dosaggio


Il cosiddetto infuso, quindi il decotto, è la forma di preparazione più in voga per i farmaci cinesi; e non solo, ci sono anche la polvere, le pastiglie, gli estratti o le lozioni . Per il decotto, di solito si prescrivono diversi ingredienti che in farmacia vengono mescolati e vengono fatti bollire dal paziente secondo una regola fissa. Il brodo che ne risulta viene conservato al fresco e viene somministrato più volte al giorno a piccoli sorsi e diluito con acqua. La qualità delle sostanze impiegate – quindi delle parti di pianta essiccate o di funghi vitali polverizzati – è fondamentale per il successo e la sicurezza della terapia. I farmaci a base vegetale della MTC di solito vengono venduti soli in farmacia e questo garantisce la sicurezza del prodotto. I produttori seri di funghi vitali fanno certificare i loro prodotti da centri analisi indipendenti e garantiscono così facendo che vengano immessi in commercio solo i principi attivi puri senza sostanze nocive.
 

Esperienza terapeutica


L’impiego corretto di terapia farmacologica complessa deve essere preceduto da un buon addestramento e da molta esperienza. Chi crede che, tutto sommato, si tratti di „erbe innocue“ che non possono danneggiare alcuno, si sbaglia di certo. I farmaci della MTC sono particolarmente efficaci e proprio per questo non esenti da effetti collaterali indesiderati e da rischi in caso di prescrizione e dosaggio non idonei. Una diagnostica approfondita pone le basi per la scelta corretta dei farmaci che vengono impiegati soprattutto in caso di patologie croniche ma ultimamente anche in casi acuti con risultati insperati. Un rapporto stretto e di fiducia tra il terapeuta e il paziente è essenziale in modo che venga analizzata ogni singola modificazione e, se del caso, che ci si occupi di variare una composizione o il dosaggio di un farmaco.