Il Principio dello Yin e Yang nella Medicina Tradizionale Cinese

Il Principio dello Yin e Yang nella Medicina Tradizionale Cinese
Il Principio dello Yin e Yang nella Medicina Tradizionale Cinese
Il simbolo cinese dello Yin e Yang non ha bisogno di presentazioni. Lo scuro Yin e il chiaro Yang si abbracciano, si completano e portano – i due punti sono il simbolo – reciprocamente parti dell'altro in sé. Il concetto tuttavia non si limita solo ed esclusivamente alla Medicina Tradizionale Cinese (TCM) bensì è l'insegnamento più importante della filosofia cinese. La coppia concettuale viene documentata per la prima volta in forma completa nell'I-Ging (Libro dei Mutamenti), il testo classico cinese più antico. Dal punto di vista filosofico lo Yin e Yang formano una coppia di contrari in cui entrambi i contrari non si escludono bensì si completano reciprocamente, si condizionano l'uno con l'altro e formano assieme un’unità. Nel concreto lo Yin è il versante ombroso di un colle, lo Yan il versante esposto al sole. Dal punto di vista dei saggi cinesi tutte le cose del mondo hanno sia proprietà Yin che Yang ed è con lo squilibrio che le parti dominanti vengono alla ribalta. Uno Yin o Yang puro o assoluto, non esiste; calore e freddo, chiarezza e oscurità, attività e calma, e tutta una serie di ulteriori coppie di contrari sono sperimentabili solo in relazione gli uni agli altri e sono soggetti ad una continua trasformazione. Un altro aspetto significativo è l'assenza di valore di entrambi i poli – nella MTC quindi non esiste una parte che è „migliore“ dell'altra.

Dalla Filosofia alla Medicina


Anche nel ciclo della vita dell'uomo, in diversi processi corporei come ad es. la digestione, il metabolismo e la respirazione ma anche nel funzionamento degli organi stessi si ritrova l'alternarsi di Yin e Yang, ecco perché il pensiero filosofico in Cina ha molta attinenza con il settore specializzato della Medicina. E' considerato uno tra i compiti fondamentali della MTC lo ristabilimento dell'equilibrio nello Yin e Yang perché è solo così che l'energia vitale Qi è in grado di scorrere senza ostacoli attraverso il corpo. Alla radice di ogni sintomo e ogni malattia vi è la responsabilità di uno squilibrio tra lo Yin e lo Yang; per il terapeuta è fondamentale sapere dove sia esattamente la sede del disturbo. Accanto alla relazione squilibrata dello Yin e Yang la MTC riconosce un sopravvento dello Yin, un sopravvento dello Yang, una debolezza dello Yin come anche una debolezza dello Yang. Può essere uguale ma la debolezza di una parte non deve per forza comportare il sopravvento dell'altra parte – e questo riveste una particolare importanza quando si ricercano le cause e il percorso terapeutico. Una cura di MTC avrà così come scopo un rafforzamento dello Yang o dello Yin o l'eliminazione di un sovraccarico in sede Yang o Yin. Anche il decorso di una malattia viene attentamente esaminato – i processi cronici denotano piuttosto il sopravvento dello Yin, mentre decorsi acuti dipendono da un eccesso di Yang – e ci si pone la domanda se siano coinvolti organi trasformanti Yang (ad es. Stomaco ed intestino) o piuttosto organi immagazzinanti Yin come la milza e il fegato.

Molto cause di squilibrio

I motivi per cui si giunge poi ad uno squilibrio tra Yin e Yang nel corpo umano sono molteplici secondo la MTC e necessitano di un'analisi terapeutica esatta per poter essere individuati e guariti. In particolare può svolgere un ruolo la costituzione fisica ereditata, lo stato emotivo ed eventuali eventi traumatici, l'alimentazione – e in questa sia la scelta degli alimenti che gli orari dei pasti – influssi climatici ma anche il consumo di tabacco e droghe. Considerare questi fattori aiuta ad individuare le misure terapeutiche personalizzate adeguate per riportare in armonia lo Yin e Yang.