Farsi una bella dormita – combattere efficacemente i disturbi del sonno

Gentili lettori,

al giorno d'oggi possiamo dire di sapere ancora molto sul sonno e, tuttavia c'è sempre qualcosa di affascinante e di enigmatico che ci sfugge. Oppure siete già riusciti a cogliere consapevolmente il momento esatto dell'addormentamento? Tutti gli uomini hanno bisogno di dormire per essere in forma durante il giorno – e per rimanere in salute a lungo. I problemi del sonno e dell'addormentamento sono una tortura e dovrebbero assolutamente essere curati. Lo scopo di questa newsletter è di informare sul sonno e sui disturbi ad esso correlati e di presentare i funghi medicinali che possono favorire un sonno ideale.

Cordiali saluti

La Vostra GfV

P.S.: se non desiderate più ricevere la nostra newsletter in futuro mandateci semplicemente una breve mail.

Il sonno: un ristoro per il corpo e lo spirito


Un sonno riposante è una straordinaria fonte di vitalità mentre un cattivo sonno può affossare il vostro umore: il riposo carente compromette le nostre prestazioni e il nostro umore e ci espone a maggiori probabilità di errore. E alla lunga, il poco sonno ci rende malati. Il motivo: durante la pausa dell'inconscio, il corpo e lo spirito rimangono attivi in un loro modo particolare. Ad es. gli organi digestivi lavorano a pieno regime, la pelle e gli altri organi sensoriali si rigenerano, il cervello è impegnato nell'elaborazione delle informazioni. A tutti sarà successo di scervellarsi su un compito particolarmente difficile di sera, e di riuscire a risolverlo magistralmente la mattina dopo.

Da cosa si capisce di avere disturbi del sonno?

Farsi una bella dormita – combattere efficacemente i disturbi del sonno - 1
Farsi una bella dormita – combattere efficacemente i disturbi del sonno - 1
È assolutamente normale dormire male qualche volta. Un ambiente non familiare, eventi emozionanti durante la giornata o un pasto pesante assunto di sera sono fattori esemplari che nella maggior parte delle persone rendono più difficile del solito l'addormentarsi. Tuttavia, parlare di disturbi del sonno in questo caso non sarebbe corretto. Chi si sveglia sempre di notte, rimane sveglio a lungo e dopo essersi coricato impiega sistematicamente più di 30 minuti prima di addormentarsi, dovrebbe andare alla ricerca delle cause e trovare un sistema per migliorare il proprio sonno. I farmaci contro l'insonnia di solito non sono la soluzione giusta in quanto non riescono a far raggiungere l'effetto ristoratore di un sonno salutare. Talvolta anche piccoli interventi sortiscono grandi effetti – ad es. l'adattamento della temperatura dell'ambiente (l'ideale sarebbe 17-18 gradi) o lo spostamento di ausili elettronici dalla camera da letto. I test nel laboratori del sonno sono in grado, inoltre, di diagnosticare un'apnea notturna, quindi un'interruzione della respirazione nel sonno, spesso mai rilevata prima. È quanto mai importante curarla in quanto l'insufficienza respiratoria, a lungo andare, può avere pericolose conseguenze.

Un aiuto dai funghi medicinali

Spesso anche la paura dell'ennesima notte passata a vegliare può essere la causa di un cattivo sonno, un circolo vizioso che va interrotto. Una consulenza psicologica da esperti che si sono specializzati nel trattamento dei disturbi legati al sonno, può essere molto utile. Anche i funghi medicinali con i loro punti di forza possono offrire in questo contesto un valido aiuto. Un fungo importante è l'Hericium: è stato comprovato il suo effetto equilibrante, mitiga l'irrequietezza interiore e contrasta gli stati di tensione. Anche il Reishi possiede effetti armonizzanti sul corpo e la psiche. Non va trascurato il suo effetto regolatore sulla pressione sanguigna che può determinare un consistente miglioramento del sonno. Il terzo fungo medicinale che concilia il sonno è il Cordyceps che ristabilisce l'armonia del sistema ormonale e così facendo può contrastare i sintomi di stress.